Aggiornamento mensile

Eccoci finalmente al primo aggiornamento mensile dalla nascita del mio blog.

Partiamo come sempre dai numeri :


Capitale investito : 18689
Capitale attuale   :  21906
Dividend yeld netto : 2,87
Rendimento complessivo : 31,75%
Dividendi incassati : 1526
Gain or Loss          : 1191
Dividendi incassati/cap.investito :8,16%
Loss or gain/ca.investito :6,37%
Tot entrate/cap.investito:14,54%
Dividendi annuali stimati :535
Dividendo mensile stimato :44,62
Dividendo daily :1,49


E’ passato così il mese di ottobre e tante cose sono cambiate nel mio portafoglio orientato al dividendo che ho deciso di chiamare Black Dog.
Investire in questo modo è alla portata di tutti ed è meno stressante rispetto al mero trading.
Basta avere molta pazienza e selezionare con cura le migliori aziende al mondo e possibilmente investirci e rimanere investiti per anni .
Detto ciò…parliamo del mio portafoglio.
Io partirei dalle brutte notizie.
Le brutte notizie sono sostanzialmente due:
In questo mese ho incassato solamente 1,08 euro di dividendi. Questo è dovuto alla tempistica degli investimenti e al fatto che molte cedole americane cominceranno ad entrare tra novembre e dicembre. Resta il fatto che questo dato è avvilente e dev’essere assolutamente il fondo che mai più andrà neanche sfiorato. Mi auguro in futuro di poter guardare a quella cifra e farmi una bella risata . Da ricordare: 1,08.
La seconda brutta notizia è l’andamento generale dei mercati.
Questa spinta rialzista è spesso nemica dei vecchi fondamentalisti e attendisti come me e mi costringe a fare salti mortali nell’allocare il mio capitale nel miglior modo possibile.
Nonostante quanto detto sopra ho tentato di fare del mio meglio ed in questo mese ho aperto nuove posizioni sui seguenti titoli :


British Land
Microsoft
Pepsico
Exxon
Santander
General Electric
Bhp Billiton
Kinder Morgan
Save
British Petroleum


Queste aziende da poco entrate in portafoglio e presenti nei più svariati settori contribuiranno negli anni a venire alla crescita delle mie entrate insieme a quelle storiche presenti da tempo.
Veniamo ora alle buone notizie e ce ne sono parecchie.
Innanzitutto l’infornata di trimestrali appena passata ha confermato nella maggiorparte dei casi la bontà delle mie scelte. Quasi tutte le aziende hanno conti in crescita e buone prospettive.
Le prospettive sono fondamentali perchè l’obiettivo di questo portafoglio è coltivare solide e sane pianticelle in grado di crescere anno dopo anno diventando grandi alberi  generando così frutti e semi per far crescere nuove piante.
Le altre buone notizie vengono dai dividendi futuri e dagli aumenti che le seguenti aziende hanno deliberato :


Kinder Morgan
B.Petroleum
Morrison
Whitbread
Realty Income
Mc Donalds


Inoltre Ima e Save(probabilmente)  staccheranno un dividendo straordinario nei prossimi mesi che si affianca alle cedole ordinarie.
Le altre good news sono che Black Dog ha raggiunto un altro dei suoi target ovvero incassare 40 euro mensili di dividendi superando nel frattempo i 20.000 euro di valore complessivo.
40 euro è una cifra ridicola per monti ma è pur sempre significativa. In pratica il mio flusso di entrate attuale coprirà totalmente la mia assicurazione auto o la mia bolletta del telefono..a voi la scelta.
Ora punto diritto ai 50 euro mensili ultimo target per il 2013…obiettivo alla portata visto che attualmente siamo a 44 euro.
Una delle cose che mi piace più fare è comprare ..o meglio ricomprare/accumulare i titoli già presenti in portafoglio. Sono in pratica i miei tentacoli operativi che meglio conosco e che in caso di ribassi è davvero molto utile e conveniente incrementare.
Prima parlavo di continui rialzi de mercati..ovvero di Mr Market che continua ad offrire cifre sempre più alte per qualsiasi azione.
Mr Market ha bussato anche alla mia porta e nel mese di ottobre ho venduto le mie poche azioni in Fnm. Nell’arco di qualche giorno il titolo è salito del 40% senza particolari motivi e ho deciso di monetizzare incassando subito 8 anni di probabili dividendi.

Se dovessero continuare a correre i prezzi non sono escluse operazioni simili.
Comunque la macchina si è messa finalmente in moto ed ora lavorerà per sempre in autonomia.

Acquisto

Uno dei miei piccoli atti scaramantici o vizi borsistici è quello di acquistare azioni possibilmente quando sono “rosse” ovvero quando stanno perdendo ed il prezzo di acquisto scende.
Più il prezzo di acquisto scende e più la mia attenzione e il mio interesse sale.
Vi lascio immaginare quindi quanto sia doloroso per me versare capitale nel mio portafoglio con le borse che sfornano un record dopo l’altro.
Sto costruendo questa nuova fase del portafoglio Black Dog scandagliando decine e decine di titoli,articoli,trimestrali ma è veramente molto difficile quando tutti i giorni le quotazioni non fanno altro che salire. Non ha senso esagerare ora.
Ecco che quando ho visto le quotazioni di Hera scendere abbondantemente non ho resistito e ho arrotondato la mia quota.
Dopo l’estenuante campagna acquisti americana torno ad acquistare sul territorio Italiano e torno ad acquistare uno dei miei titoli preferiti:HERA
In un altro post avevo già elencato quelle che sono le caratteristiche di Hera che mi piacciono molto… e non vedo perchè un crollo del 9% delle quotazioni dovrebbe farmi cambiare idea.
Che è successo… Hera farà un piccolo aumento di capitale da 80 milioni per far posto ad un socio molto pesante ovvero il Fondo Strategico Italiano che ha deciso di puntare sulla società emiliana.
Nel frattempo un comune socio ha venduto le proprie azioni per fare cassa e il titolo scende.
Per chi investe nel lungo termine e crede nel piano aziendale della società,con utili in costante crescita fino al 2017 e possibilità di ulteriori aggregazioni,con interessanti sviluppi nella gestione e raccolta/smaltimento dei rifiuti ,ecc. queste sono soltanto occasioni per incrementare ulteriori azioni e godersi il dividendo netto (minimo 5%) in un settore difensivo ed interessante.
Ecco perchè ho acquistato altre 199 azioni al prezzo di 1.465 e sono pronto ad acquistare ulteriormente se dovesse scendere di un altro 10%.
Chi faceva questi ragionamenti solo 2 o 3 anni fa si ritrova in carico un titolo con un rendimento netto del 7 o 8 % senza fare nessuna fatica.

Bisogna solamente avere i nervi saldi,non avere paura dei temporali passeggeri e isolarsi dal mondo esterno e dai rumori di fondo concentrandosi solamente nell’accumulare buone azioni quando i prezzi sono bassi e tutti gli altri vendono.

“Investors should remember that excitement and expenses are their enemies. And if they insist on trying to time their participation in equities, they should try to be fearful when others are greedy and greedy only when others are fearful.”

I dividendi di Hera in centesimi

Nuovo acquisto

Uno dei mantra di Gordon Gekko era che il denaro non dorme mai.
Sono pienamente d’accordo..il denaro se messo sotto a lavorare non si prende pause caffè o giorni di ferie e non perde una sola ora per dormire o riposare.
Qualche euro sul mio conto pensava invece di essere in vacanza e di stare fermo a fare nulla,a godersi questa paradisiaca giornata milanese ricca di pioggia e cielo grigio.
E’ finita la festa e 600 e passa soldati vengono immediatamente schierati sul fronte americano dove il cambio euro/dollaro a 1,375 ci permette di acquistare a buon mercato e di arricchire il portafoglio Black Dog di un nuovo protagonista.
L’azienda acquistata è decisamente nuova in quanto è stata fondata solamente nel 1975.
Nonostante abbia meno di 40 anni (e meno del sottoscritto) questa azienda è già considerata da molti vecchia e da qualcuno già morta.
Nonostante ciò nell’ultimo trimestre ha guadagnato 5 miliardi di dollari netti aumentando dividendi e ricomprando montagne di azioni.
Per chi non l’avesse capito stiamo parlando di Microsoft.
Microsoft è sicuramente un’azienda tecnologica molto matura con multipli contenuti e free cash flow davvero sostenuti.Negli ultimi 5 anni il flusso di cassa è stato di 116.550 B.
Il grosso delle entrate di Microsoft deriva dalla divisione Windows,sistema operativo re del mercato del Pc.
Ovviamente con l’avvento dell’era degli smartphone e dei tablet il discorso è cambiato e Microsoft avrà sempre più bisogno di trovare nuovi sbocchi e aggredire nuovi mercati e concorrenti.
Fino ad oggi ha perso le sfide con Google nella pubblicità,con Apple e Samsung negli smartphone e tablet e fa molta fatica a competere anche nel gaming con X box.
Nonostante ciò la Microsoft attuale è ancora una splendida macchina da soldi con enormi flussi di cassa che coprono abbondantemente dividendi,buy back e acquisizioni.
Proprio recentemente è stato aumentato il dividendo del 22% e lanciato un nuovo buy back da 40 miliardi di dollari ! A questi prezzi significherebbe ridurre le azioni in circolazione di 1.1 miliardi proiettando gli utili 2014 sopra i 3 dollari.

E poi ci sono le acquisizioni …
L’ultima di queste è forse quella più eclatante e più intrigante: Nokia Phones.
Microsoft rilancia la sfida puntando tutto sul prodotto Lumia.
Riuscirà Microsoft a recuperare il terreno perduto? Nokia ritroverà il vecchio splendore ?
Non è facile rispondere.
Ho deciso però di seguire lo sviluppo della nuova Microsoft godendomi nel frattempo un buon dividend yeld e continui riacquisti di azioni. Sono consapevole dei rischi e di numerosi possibili scenari. Sono consapevole che dopo una recente trimestrale Microsoft arrivò a perdere il 14 % in una sola seduta.
Ma sono anche molto curioso.. curioso di vedere cosa succederà. Se Microsoft sarà in grado di mantenere nel tempo gli attuali flussi di cassa ci sono notevoli margini di aumento dei dividendi nei prossimi anni e possibli incredibili sviluppi e nuove acquisizioni.
Il primo banco di prova è tra qualche giorno con l’uscita della prima trimestrale.

Acquisto 24 azioni Microsoft ad un prezzo medio di 26 euro per un dividend yeld netto stimato di circa il 2%.

Nuovo acquisto

Uno dei più grandi errori commessi da una splendida azienda come Coca Cola è stato quello di modificare la formula vincente creando così la new Coke. Dopo centinaia di migliaia di messaggi di protesta e crollo delle vendite The Coca Cola Company è tornata sui propri passi ripristinando la vecchia formula e rimettendo in commercio la bevanda amata in tutto il mondo.
Era il 1985 e la new Coke è stato definito l’errore di marketing del secolo.
Nonostante questa disastrosa mossa ,il più grande errore strategico di Coca Cola è stato commesso nel 1922.
Un’azienda concorrente mise a punto una bibita al gusto di cola denominata Brad’s Drink.
Il nome deriva dal suo fondatore Caleb Bradham.
Negli anni della prima guerra mondiale ,la bevanda aveva raggiunto un modesto successo ma sfortunatamente Bradham rimase vittima dell’altalenante mercato dello zucchero comprando grosse quantità a 20 centesimi alla libbra. Quando nei primi anni 20 il prezzo crollò fuori mercato la sua azienda andò in bancarotta.
Bradham tentò così più volte di vendere la disastrata azienda alla Coca Cola Company ma Woodruff(il ceo di allora) rifiutò tutte le proposte.
Questo defunto concorrente riuscì a resistere fino al 1931 dove finì nuovamente in bancarotta e nuovamente le spoglie vennero offerte alla Coca Cola che rifiutò per la seconda volta.
A questo punto ,questa imitazione della Coca Cola sarebbe finita nel dimenticatoio se non fosse stata acquistata per 4 soldi da Charles Guth proprietario di una catena di dolciumi.
Guth acquistava al tempo grosse quantità di Coca Cola e pensava fosse giunto il momento di trattare direttamente con la compagnia pretendendo un forte sconto sugli acquisti.
Non ottenendo quanto richiesto decise di non vendere più neanche una goccia di Coca Cola e puntò tutto sulla sua bevanda molto simile.
Ovviamente stiamo parlando della nascita di “The Pepsi Cola Company”.
Da quel giorno Pepsi sarà una vera spina nel fianco e contenderà a Coca Cola il gigantesco mercato delle bollicine combattendo goccia dopo goccia.
Attualmente Pepsico è un colosso presente nel food and beverage con almeno 22 brand che superano il miliardo di dollari di vendite.
A differenza di Coca Cola Pepsi ha diversificato nel mercato degli snacks e la percentuale di vendite del settore food è ormai del 51%.
Pepsi è da sempre molto generosa con i propri azionisti ricomprando massicciamente azioni e aumentando costantemente il dividendo nel tempo. Tutto ciò è pienamente riflesso nei prezzi attuali. L’azienda non è di certo sottovalutata ma il cambio euro dollaro a 1,37 mi permette di cominciare ad accumulare qualche azione con tranquillità.

Acquisto così 10 azioni Pepsi a 60 euro.

PepsiCo Logo

Nuovo Acquisto

Dopo la scorpacciata di buone notizie di ieri è giunto il momento di fare una delle cose che mi piace di più: investire capitale fresco in high quality company.
E’ sempre un momento molto importante in quanto una decisione relativa all’acquisto di un titolo comporta effetti che si dipanano negli anni a venire.
Una volta acquistato un titolo ,una parte di una azienda, vado ad inserire nella giusta casella il prezzo di carico comprensivo di spese di acquisto ecc.
E’ un dato molto importante e la sua caratteristica che adoro è che rimane fermo,fisso,immobile.. un dato che viene scritto nella pietra e che non subisce variazioni al rialzo.
Abbinato a questo valore c’è un altro dato che per me assume molta importanza:il dividend yeld.
Se ho scelto bene il mio personalissimo cane nero mese dopo mese gli utili e i dividendi erogati aumenteranno costantemente portandosi dietro il dato del mio dividend yeld netto mentre il prezzo pagato rimarrà sempre quello.
Il titolo che ho deciso di inserire in portafoglio è :British Land.
British Land è un’azienda che investe in immobili,terreni,uffici e centri commerciali principalmente a Londra e Regno Unito  ed in piccola parte Europa.
Si tratta di un REIT (Real Estate Investment Trust) ovvero un’entità che per legge distribuisce quasi tutti gli utili netti ai propri azionisti (circa il 90%) ed è quotato a Londra in sterline.
Il dividend yeld netto attuale è del 3,40% e le cedole sono distribuite 4 volte all’anno.
Adoro questo tipo di distribuzione visto che punto molto al dato indicativo del rendimento mensile del mio portafoglio e voglio che le entrate  siano il più possibile spalmate nei 12 mesi.
British Land è una delle più grandi aziende europee del settore ed i suoi investimenti sono per lo più concentrati nel centro di Londra e nel resto Uk.
BL possiede direttamente ed indirettamente un portafoglio immobiliare di 16.4 miliardi di sterline così suddiviso :

35% uffici
60% retail
5%   altro


Il portafoglio esclusivo di proprietà di Bl è di circa 10.5 miliardi. La differenza è detenuta in Joint Venture con altri proprietari ad esempio Tesco o Sainsbury (grosse catene di supermercati).
La percentuale di occupazione (molto importante per questo tipo di aziende) è del 96.8%.
L’azienda è solida,produce utili e paga ottimi dividendi.
Per tutti i dati economici vi invito a visitare il loro sito davvero ben fatto :

Dopo Realty Income ed Igd aggiungo un altra azienda al settore degli investimenti immobiliari puntando su uno dei mercati più interessanti del mondo :Londra

Inserisco in portafoglio 96 azioni British Land ad un prezzo medio di carico di 7,37 euro.

British Land