Nuovi acquisti

Prima di introdurre i miei nuovi acquisti un’ importante news…ho in portafoglio un titolo che sta perdendo il 17 % superando così una delle mie soglie importanti che di solito fanno scattare un bel riacquisto e che tutto sommato accolgo con piacere..non in questo caso.



Il titolo in questione è Morrison Plc catena di supermercati inglesi.
In portafoglio oltre a Morrison possiedo anche Sainsbury, diretto concorrente e seguo costantemente anche Tesco.
Il settore sta affrontando un periodo molto ostico ,competitivo e sotto attacco da più fronti.
Non proprio il massimo per un investitore direi… il cosidetto “moat” ovvero fossato che protegge il castello è ormai stato superato e le orde di invasori sono alle porte.
Le “orde di invasori” sono sicuramente tutte le aziende che stanno puntando molto sulle vendite on line (amazon e altri) e soprattutto le catene di discount.
Morrison purtroppo è quella che delle 3 è messa peggio ,con vendite in calo e con un ritardo strutturale nella gestione delle vendite on line.
Dopo questi dati il titolo ha perso quasi il 10%.
Dopo aver acquistato Sainsbury (che invece mostra vendite flat ma sembra tutto sommato tenere) mi ero subito reso conto di quanto fosse migliore di Morrison e che forse valesse la pena di puntare tutto su quest’ultima. Non ho fatto lo switch ed ho sbagliato.
Ora le strade sono due.. fare lo switch adesso e portare a casa una minusvalenza di 100 euro o aspettare tempi migliori continuando nel frattempo ad incassare i dividendi.
Non avendo più minusvalenze accumulate in passato mi tocca pagare il 20% di capital gain ogni qualvolta vendo un titolo in guadagno ed ecco perchè potrei anche decidere di vendere in perdita.
Deciderò nei prossimi giorni tenendo comunque presente che questi titoli sono sui minimi degli ultimi anni (raro di questi tempi ) e staccano dividendi di oltre il 4%.
Veniamo adesso alle buone notizie.. ovvero l’inserimento di nuovi titoli in portafoglio.
I titoli in questione sono due : Next plc e Indus Holding
Next plc è un retailer inglese con circa 700 punti vendita nel Regno unito e una trentina in giro per il mondo.
Trattasi di una sorta di “Zara” inglese davvero ben gestita e molto redditizia e già perfettamente competitiva anche nelle vendite on line.
Quest’ultimo aspetto sta prendendo sempre più importanza e lo sto imparando a mie spese.
L’aspetto più interessante che mi ha convinto definitivamente ad iniziare ad accumulare il titolo è il trattamento di Next dei propri azionisti.
L’azienda produce montagne di cassa che coprono abbondantemente gli investimenti nel core business e ne utilizza una parte per remunerare gli azionisti con dividendi in costante aumento e corposi buy back..il mix che preferisco.
Il buy back è inoltre fatto con molto acume,acquistando solamente se il prezzo è ritenuto “congruo” dal management..chapeau.
Per capire se il prezzo è conveniente hanno ideato un indicatore chiamato “Equivalent rate of return” (ERR) che stabilisce a che cifra massima comprare. Il prezzo massimo di acquisto è adesso fissato ad un limite di 52 ed essendo le quotazioni a circa 60 l’azienda non comprerà nessuna azione ma distribuirà extra dividendi agli azionisti…insomma..questa è musica per le mie orecchie.
Ringrazio ancora l’amico Zac per avermi fatto scoprire questa azienda.
Il secondo titolo che ho acquistato (sempre in piccole tranches) è :Indus Holding.
Trattasi di una holding tedesca che acquisisce e gestisce piccole e medie ma eccellenti aziende tedesche concentrate nei principali settori industriali:automotive,ingegneria e infrastutture,metal processing e ultimamente anche nel medicale.
Si tratta principalmente di nomi sconosciuti in settori noiosi ma facenti parte dell’ossatura granitica del impero economico tedesco.
Le società acquisite continuano ad operare indipendenti e continuano a crescere anche tramite acquisizioni lasciando alla holding Indus solamente le funzioni “corporate” tipo supporto finanziario,legale o altro.
Questo tipo di gestione mi ricorda quello di una piccola conglomerata Americana gestita da un vecchietto con gli occhiali…
Indus Holding continua nel frattempo a crescere e ad investire in altre aziende generando utili e dividendi di tutto rispetto (div. yeld lordo 3.50%).
Le ultime news mi hanno convinto a prendere una prima posizione ovvero ottima trimestrale e piccolo aumento di capitale per investitori istituzionali e per continuare a crescere.
Vi invito a dare un’ occhiata al sito per vedere le 40 aziende presenti in portafoglio.
Next ..Indus… arrivo davvero tardi alla festa in quanto i titoli sono sui massimi e l’euforia è come sempre nemica di chi vuole comprare azioni e non lo fa per trading.
Cercherò come sempre di accumulare in caso di ribassi abbassando così il mio prezzo di carico ma nel frattempo un piede dentro l’ho messo e sono contento.
Piccola nota sull’andamento generale dei mercati..ho venduto qualcosina in abbondante gain e se la situazione non cambia e peggiora continuerò a farlo.
Vendere in gain migliora uno dei miei indicatori basilari ovvero il CRI (capitale realmente investito) ma non mi lascia comunque soddisfatto. Non mi piace tagliare rami al mio albero e non mi piace raccogliere domani meno frutti..ma è altrettanto vero che non è di certo con questo tipo di mercato che si possano costruire tutte posizioni da tenere per l’eternità.




Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...