Air Liquide conquista gli States

Eccoci a commentare la più grande acquisizione della storia del colosso francese e mio principale investimento ,pilastro del mio progetto Black Dog.

E’ notizia recente l’acquisizione di Air Liquide di Airgas ,terzo operatore americano,per un valore di 13.4 miliardi di dollari.

Con questo deciso passo AL rafforza la sua leadership mondiale nel settore dei gas tecnici e medicali distanziando decisamente gli unici concorrenti di simile grandezza come Linde,Praxair ed Air Product.

L’operazione è veramente imponente e comporterà un deciso aumento dell’indebitamento ed un aumento di capitale da 4 miliardi e rotti.

La strategia di lungo termine è ben delineata ed AL investe pesantemente nel principale mercato al mondo che è quello Statunitense,appoggiandosi all’incredibile capacità distributiva di Airgas composta da 1100 locations,capillari in tutto il territorio.

Sono molto contento di questo passo e non ho dubbi che nel lungo termine AL continuerà a fare bene e a premiare gli azionisti fedeli come me.

A proposito di azionisti fedeli.. visto che ricevo un sacco di domande su questa procedura ..proverò a riepilogarla ancora una volta.

Air Liquide,come altre società(Edf,Saint Gobain,L’Oreal,) permette di registrare le proprie azioni direttamente con loro o tramite banca.

Io ho provato entrambe le soluzioni e ho optato per la prima.

Ho un mio account presso il sito Air Liquide e le azioni sono gestite direttamente dall’azienda.. se voglio acquistare o vendere lo faccio tramite il loro sito e vi assicuro che il tutto funziona alla perfezione.

La seconda ipotesi è quella più semplice ed è quella di registrare le proprie azioni tramite la propria banca..la procedura è di solito snella e compilando un modulo si fa tutto.

Perchè registrare le azioni ?

Registrare le azioni significa banalmente farsi conoscere da Air Liquide,un’azienda splendida che adora i propri azionisti fedeli trattandoli con i guanti.

I vantaggi sono sostanzialmente quelli di ricevere a casa svariati tipi di documentazione,inviti vari  e di ricevere un bonus del 10% su dividendi e azioni gratuite a patto di conservare le azioni per 2 anni solari.

Se registro adesso le mie azioni inizierò ad usufruire dei bonus solamente nel 2018.

Questa procedura è altamente consigliata a chi è veramente investitore di lunghissimo termine e a chi non è ossessionato dal controllare tutti i giorni la quotazione.

E’ consigliata a chi ha intenzione di tenere le azioni per molti anni o addirittura per sempre( c’è una specifica procedura per donarle a figli o eredi vari).

Air Liquide è famosa in francia per essere il salvadanaio di migliaia di famiglie che si tramandano le azioni di generazione in generazione e presenta utili,ricavi e dividendi in costante crescita decennale,senza mai correre rischi eccessivi,mantenendo il bilancio in ordine.

Non è assolutamente consigliata a chi fa trading,chi ha paura delle oscillazioni di prezzo e a chi solitamente quando guadagna un po’ di quattrini vende immediatamente.

Chi registra le azioni le vedrà sparire dal proprio dossier ed i titoli cambieranno denominazione (esempioAir Liquide PF2018) ed ISIN.

Per vendere le azioni registrate non basterà un click ma bisognerà contattare la banca e attendere anche una settimana.

Una volta vendute le azioni,ovviamente,si perderanno eventuali diritti a maggiorazioni del dividendo e delle azioni gratuite che AL è solita distribuire ogni 2 anni.

Per concludere.. la mia esperienza è decisamente positiva .. tra bonus  e dividendi ho incassato 915 euro ( il 50% di quanto investito) ed il mio prezzo di carico attuale è di circa 47 euro.

Il capital gain virtuale si aggira sui 2600 euro ed il ritorno complessivo è del 195%.

 

 

 

Annunci

23 pensieri su “Air Liquide conquista gli States

  1. Alfio buonasera,

    da quanto tempo hai Airliquid in portafoglio? presto ti chiedero’ tante e tante cose…un abbraccio forte e complimenti per il blog;

    Antonio

    presto ne apriro’ uno anche io!e’ in gestazione…..:-)

    P.S.sul fol sei nemo vero?

    Mi piace

    • Allora… i miei primi acquisti si perdono nei tempi che furono… comunque diciamo periodo 2004/2006..purtroppo ai tempi non tracciavo tutto come ora.. ed ho buttato un sacco di soldi. Se le mie azioni non fossero “vincolate”probabilmente in passato avrei venduto anche quelle.

      Mi piace

  2. Alfio quindi le azioni passano dal tuo dossier titoli ,sparendo, a quello tenuto presso air liquid?

    …buttato un sacco di soldi? intendi nel trading…allora siamo in due….con la differenza che la lezione la ho pagata cara davvero! un abbraccio davvero e per I tuoi lettori mi pemetto di allegare un link ad un paper che ben spiega in termini statistici I Danni che prova il trading alle finanze dei trader:

    http://faculty.haas.berkeley.edu/odean/papers%20current%20versions/individual_investor_performance_final.pdf

    un abbraccio forte e buon fine settimana,

    Antonio M.

    Mi piace

    • Dipende..se acquisti direttamente con loro i titoli non ci vanno proprio sul dossier titoli. se invece fai ttamite banca le azioni rimangono comunque sul tuo dossier… su fineco ad esempio spariscono dal normale portafoglio ma sono visibili sul portafoglio offline.
      In merito al trading sono d’accordo. .non è roba per me..e le poche intuizioni che ho avuto nei miei primi anni borsistici sono andate sprecate in vendite da 4 soldi.

      Mi piace

      • Se acquisti i titoli direttamente dalla società occorrerrà poi inserire i divdendi manualmente nella dichiarazione dei redditi? E nel caso di registrazione tramite banca?
        E già che ci siamo, cosa pensi di EDF (che ha un meccanismo di registrazione analogo)?

        Mi piace

      • Esatto.. se acquisti direttamente dalla società spetterà a te dichiarare o meno i vari dividendi. Nel caso di registrazione tramite banca non cambia nulla… in regime amministrato pagherai subito tutte le tasse.
        Edf ..come tutte le aziende del settore soffre l’eccesso di capacità produttiva ed il crollo dei prezzi di gas ed elettricità. Inoltre Edf è praticamente lo stato francese con tutti i problemi del caso sul nucleare ecc.

        Mi piace

  3. Alfio buongiorno,

    volevo chiederti come hai avuto ispirazione in merito al valute investing ed alla creazione del blog?

    non vorrei essere indiscreto ma quanti anni hai?il tuo orizzonte temporale immagino sia “for the life”

    un abbraccio , grazie di tutto e buon week end,

    Antonio

    Mi piace

    • Ciao ho 42 anni e da circa 20 seguo appassionatamente gli investimenti azionari. Il mio primo approccio giovanile è stato quello di provare a fare trading e a guadagnare comprando e vendendo azioni senza neanche sapere cosa facessero o che bilanci avessero le aziende.
      Negli ultimi anni mi sono innamorato di Buffett e della sua filosofia di investimento ,nell’investire in aziende e business e non in pezzi di carta.
      Ho imparato a governare le mie emozioni non vendendo quando guadagno e acquistando quando le mie azioni scendono.
      Il blog nasce dall’esigenza di tracciare tutto quello che faccio e di condividere pareri ed iniziative imparando sempre qualcosa di nuovo.
      Non ho un orizzonte temporale definito ma ho solamente la volontà di collezionare dividendi da reinvestire in nuove splendide aziende. Faccio un lavoro normalissimo e vorrei crearmi una seconda rendita sfruttando la capacità di molte aziende di staccare dividendi da decine e decine di anni.

      Mi piace

      • Siamo quasi coetani allora! : ho 43 anni e dopo 10 anni di trading obbligazionario che in alcuni anni mi ha permesso addirittura di tripliare addirittura il mio capital sono tornado al punto di partenza!

        includendo lo stress psicofisico, sono in pensante perdita!

        gli studi che sto facendo in questi giorni vertono sul capire se l’acquisto di un portafoglio diversificato di titoli azionari value sia piu’ conveniente rispetto ad avere un etf sul rispettivo mercato di riferimento ; con gli etf ci sono componenti negative e positive allo stesso tempo: quelle negative rivengono dal costo di gestione che per quanto modesto andra’ in ogni caso ad incidere sul rendimento totale ; il secondo e’ dato dal dividend drag ovvero il ritardo nel reinvestimento dei dividendi nelle azioni che compongono l’indice (se a capitalizzazione) o della distribuzione ai possessori se invece e’ a distribuzione;gli elementi positivi invece son da ricondurre alla possibilita’ di entrare su un mercato azionario(o di altro tipo) con un singolo click e quindi per esempio comprare quindi tutte le 500 , nell’ipotesi dello s/p 500, azioni delle aziende che lo compongono! un altro vantaggio e’ di ordine informativo in quanto elimina i costi oppurtunita informativi nel reperire notizie sulle singole aziende che il value investing invece comporta:

        con un portafoglio diversificato scelto in modo autonomo vicevesa non si ha il problema del (1)dividend drag e dei (2)costi di gestione e se si posseggono capacita’ di stock picking eccelse si puo’ fare anche meglio del mercato; tuttavia vi sono connessi costi di intermediazione,costi informativi, costi di manutentivi ed una componente di scelta del reinvestimento dei dividendi che potrebbe essere negativamente arbitraria se non ben formalizzata al momento della scelta iniziale della composizione del portafolio value.

        adesso pongo la domanda delle domande:

        1)hai mai provato a confrontare la performance del tuo portafoglio di azioni americane con il rispettivo indice sullo s/p 500?

        2)ti e’ sorto mai il dubbio che avresti potuto fare quanto il mercato od addirittura peggio (tuttavia questo quesito implica che hai misurato le tue performance comparata con il rispettivo indice) scegliendo le singole azioni e che quindi l’azione di stock picking avrebbe costituisco esclusivamente un impiego infruttuoso del tuo tempo?

        (il costo-opportunita’ del tempo e’ modesto se se ne sia ha in abbondanza,prossimo allo zero se si e’ disoccupati, altrimenti e’ pari grosso modo al valore medio del costo orario lavorativo netto )

        3)un portafoglio azionario ha il vantaggio di poter compensare fiscalmente minus e plus a differenza degli etf(per un investitore di lungo period o tuttavia cio’ dovrebbe essere invariante ed indifferente in quanto si suppone che non si faccia trading)

        a suffragio del mio ragionamento mi permetto di allegare un paper sull’indexing investment dal titolo: Why indexing works?

        http://arxiv.org/pdf/1510.03550v1.pdf

        mi piacerebbe sapere il tuo parere e quello dei lettori sul paper suddetto unitamente alla riposta alla domanda principale che ti ho posto ovvero se hai mai confrontato il rendimento del tuo portafoglio con quello del rispettivo indice del mercato di riferimento;

        Spero che le mie considerazioni siano pertinenti e che possano permettere una riflessione sul value investing.

        grazie ancora e buon we!….. e complimenti ancora!

        Mi piace

      • Ciao Antonio innanzitutto ti ringrazio ..i tuoi interventi sono molto interessanti e competenti.
        Allora…in linea di massima non ho confrontato il rendimento delle mie azioni con nessun indice..perchè tutto sommato mi interessa poco. Sapere che il mio portafoglio ha fatto + 15 % e l’indice +10% conta poco..io punto esclusivamente sull’andamento della mia cedola mensile e sul reinvestimento della stessa.
        Alla fine anche il mio è un ETF..ma sono io a decidere i titoli..i pesi dei titoli scelti… e come e quando reinvestire le cedole. In fase rialzista potrei non reinvestire nulla…ed in fase ribassista reinvestire pesantemente.
        Alla base di tutto questo discorso c’è fondamentalmente una cosa.. a me piace ! Mi piace seguire le aziende,leggere le trimestrali,i bilanci ed i verbali delle assemblee.
        Per una persona che non ha tempo e voglia.. un etf è la soluzione ideale.. paghi qualcosina di più..ma qualcun’altro fa il lavoro per te.

        Mi piace

  4. ciao, ti seguo molto, ed anche io investo in maniera simile alla tua. Non conoscevo la possibilità di acquistare le azioni direttamente dalla società, ed essendo un investitore a lungo termine, potrei avere dei vantaggi nel farlo. Avendo in ptf titoli come Microsoft, GE e Monsanto, ti chiedo:
    1) se voglio registrare l’ acquisto che modulo dovrei compilare
    2) si può registrare l’azione su una banca online come iwbank e in quel caso non devo effettuare nessuna dichiarazione?
    3) I dividendi sono tassati allo stesso modo o si applica direttamente la tassazione del 15% come da convenzione?
    ti ringrazio anticipatamente

    Mi piace

    • Per acquistare direttamente da Air Liquide ti consiglio di andare sul loro sito e seguire la procedura.
      Se fai in questo modo la tua banca non c’entra più nulla.
      Sui dividendi sarà applicata solamente la tassa francese.

      Mi piace

      • Per chiarezza, con la registrazione diretta non paghi la ritenuta del 26% italiana perché in pratica le azioni sono le tue ma risultano ad Air Liquide che domiciliati in Francia paga solo la ritenuta Francese? Ma i dividendi a questo punto penso che tu le ricevi sul tuo conto tramite Air Liquide altrimenti se accreditati sul tuo conto Fineco avresti la ritenuta italiana, oppure li incassi ma non li dichiari 😉 … Io le ho registrate tramite Fineco ma se registrandole direttamente mi dici che si risparmia il 26% non ho alcun dubbio che convenga la registrazione diretta… A questo punto sarebbe bello che Air Liquide mettesse anche un piano di reinvestimento dei dividendi a disposizione 🙂
        Grazie Alfio per tutte le info che ci metti a disposizione

        Mi piace

      • Se acquisti direttamente da Air Liquide ovviamente non paghi alla fonte il 26%. Spetta poi a te mettere i dividendi nella dichiarazione dei redditi.
        Purtroppo,che io sappia ,non c’è un piano di reinvestimento dei dividendi..peccato si.

        Mi piace

  5. Bhp Billiton in questo momento mi sta causando una perdita virtuale del 34%.
    Direi che è il momento ideale per pianificare un altro acquisto.. ci sto pensando.
    Il problema è legato alla possibilità o meno di mantenere quel dividendo visto il crollo delle materie prime.
    In più c’è stata la tragedia in Brasile che potrebbe costare parecchio.
    E’ in corso la tempesta perfetta… e per il lungo termine potrebbe essere il momento giusto per acquistare.

    Mi piace

  6. In caso di registrazione su air liquide, i dividendi vengono accredidati direttamente in conto corrente ? In caso siano già acquistati su fineco basta fare la registrazione sul sito air liquide e il trasferimento avviene in automatico ? Grazie

    Mi piace

    • Sono due cose diverse. Se sono su Fineco rimangono su Fineco ed i dividendi arrivano li pagando tutte le ritenute.
      Se compri da Air Liquide non c’è di mezzo nessuna banca. Dovrai solamente dare un IBAN per farti accreditare dividendi e per regolarizzare acquisti e cessioni.
      Se compri direttamente da loro le azioni rimangono gestite da loro stessi.

      Mi piace

    • Ammonta a tassazione francese + italiana ..mi sembra 20+26%
      Sull’assegnazione non ricordo. Devo verificare. Forse sono tassate solamente le azioni bonus.
      (il 10% in più che prendono gli azionisti registrati)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...