Aggiornamento gennaio 2016

Incredibile.. il tempo corre e gennaio è già andato ed è quindi ora di dare uno sguardo all’andamento del portafoglio.

Amo la volatilità !

Inutile ripetermi ma.. è stato un inizio d’anno pazzesco con una volatilità alle stelle.. un paradiso per chi fa trading ..ma un ottimo scenario anche per chi come me non vede l’ora di acquistare a prezzi più bassi.

La paura può essere un’enorme occasione per l’investitore di lungo termine consapevole.

Mai comprato una tanica di Dash a prezzo pieno.. io acquisto il detersivo al mio supermercato preferito (Esselunga) solamente quando è scontato del 40/50%.

Questa offerta si ripropone più o meno ogni 2 mesi ed io non manco di fare abbondante scorta ad un prezzo decisamente conveniente..

Stessa cosa per le pastiglie della lavastoviglie e tanto altro.

Perchè non dovrebbe essere la stessa cosa con le azioni ?

Visto che ho intenzione di possedere azioni per lunghissimo tempo è nei periodi di forti ribassi e sconti che si fanno i migliori acquisti.

Sono crollate le banche..la questione bad bank..il rallentamento in Cina.. possono influire queste cose sull’andamento di Autostrada Torino Milano nei prossimi anni ?

Direi proprio di no.. e adoro quando dei macro fattori buttano giù tutto ..il bello e il brutto senza distinzione permettendomi così di acquistare ad un prezzo inferiore pezzi interessanti di business che mi interessano.

Il mese di gennaio 2016 è stato uno dei più operativi dalla nascita del blog.

Sin dai primi mesi del progetto ho puntato tantissimo sulla diversificazione estrema.

Non essendoci molte idee a buon mercato ho deciso di puntare su tante idee ad un prezzo decente ma con prospettive comunque interessanti.

Questo mi ha permesso di godere di buoni rialzi e capital gain portati a casa e allo stesso tempo flusso cedolare costante.

Ora lo scenario è cambiato e qualcuno dei miei titoli preferiti comincia ad avere quotazioni più interessanti e il dividendo netto stimato a superare la fatidica soglia del 3%.

Ecco perchè in caso di continui ribassi potrò finalmente aumentare la mia esposizione su titoli con rendimenti esplosivi ed iniziare ad abbandonare buone azioni ma prive di un buon dividendo (spesso decurtato dalla doppia tassazione).

In questo mese ho quindi accumulato quote di aziende ben note alla galassia Black Dog:

Roayal Dutch Shell

Servizi Italia

Autostrada Torino Milano

Abertis

E ho inserito nuovi titoli come :

Boeing

Tiffany

Generali

Save

Ho poi venduto in perdita Merlin ed in abbondante guadagno Pepsico e alla pari Greene King.

Ora continuerò su questa strada puntando a ridurre le azioni in portafoglio e ad accumulare alcuni cavalli di battaglia molto convenienti.


 

Veniamo ai numeri di gennaio.

Il dividendo mensile ammonta a 70.4 euro in deciso rialzo rispetto ai 58.56 euro del gennaio 2015.

Ecco gli altri dati :


 

Capitale investito : 47275

Capitale realmente investito :38915

Dividendi totali percepiti:3979

Capital Gain totali percepiti:4379

Dividend yeld netto : 2.93%

Dividend yeld netto/CRI:3.56%

Payback : 17.71%


 

Il valore complessivo attuale di tutto il portafoglio è di 52749 euro,un valore molto lontano dai massimi assoluti di novembre 2015, circa 58.000 euro.

Nonostante la mia esposizione sia aumentata considerevolmente e il denaro investito cresciuto decisamente.. possiedo un bel po’ meno di prima.. è il mercato bellezza !

Il valore totale ai prezzi di mercato dell’intero portafoglio sarà sempre un dato in continua evoluzione influenzato pesantemente da diversi scenari e dall’andamento complessivo di tutte le borse interessate.

Ovviamente questo non è un problema e fa parte del gioco. Questo dato è importante se una persona ha intenzione di liquidare un intero portafoglio a breve o ha necessità di utilizzare i soldi investiti.

Per quanto mi riguarda è l’andamento delle cedole e la capacità di rimetterle in circolo che conta!

Ad esempio su Whitbread ero arrivato a guadagnare il 220% e ad oggi il presunto gain è sceso al 132%.

Non è cambiato granchè.. l’azienda è sempre fortissima ed in salute ed i dividendi futuri saranno senza ombra di dubbio molto interessanti.

Stesso discorso di Next che è scesa ampiamente sotto la soglia buy back (ero ormai pronto a fare il mio terzo acquisto..) e ha immediatamente ricominciato ad acquistare le proprie azioni ,eliminandole ed aumentando il valore intrinseco per gli azionisti che rimangono.

Ma torniamo a parlare di dividendi … una delle più belle invenzioni della storia.. essere pagati per non fare nulla.

Il dividendo mensile stimato ha ripreso a crescere grazie ai nuovi acquisti e alla cedola riconfermata di Royal Dutch Shell attestandosi a 115.50 euro mensili netti.

Ho invece abbassato il dividendo stimato di Next in quanto la società sta destinando il cash flow in eccesso al riacquisto delle proprie azioni a scapito dei numerosi dividendi straordinari erogati ultimamente.

Questo è un periodo di dati aziendali e di eventuali aumenti del dividendo che potrebbero quindi influire positivamente sul mio progetto.

Ecco un esempio ..una dimostrazione magica di come tutto funziona :


 

DANBURY, Conn., January 29, 2016 – The board of directors of Praxair, Inc. (NYSE: PX) has declared a 5% increase in the company’s quarterly dividend to 75.0 cents per share, payable on March 15, 2016, to common shareholders of record as of March 7, 2016.

“With a focused business strategy and solid execution, we are able to consistently deliver solid cash flow generation,” said Chairman and Chief Executive Officer Steve Angel. “As such, we are pleased to raise the dividend by five percent this year, making it our twenty-third consecutive annual increase.”


 

 

E via così.. uno dietro l’altro i gioielli del portafoglio procedono in tutta tranquillità regalando ogni anno dividendi maggiori rispetto all’anno precedente.

Ogni tanto un componente si inceppa..e non riesce a proseguire sulla strada degli aumenti delle cedole ..e viene sostituito o ridimensionato.

Ma nel complesso il mio secondo lavoro sta funzionando benissimo e sopratutto ,cosa più importante,mi piace davvero un sacco.

Se tutto va come deve andare.. e non ho dubbi.. febbraio 2016 sarà il mese dove saranno toccati e superati i 4000 euro di dividendi incassati. Chi l’avrebbe mai detto ?


 

Capitolo Berkshire Hataway

Anche questo mese si è concluso senza nessun acquisto e continuo ad essere socio con le mie 39 azioni acquistate ad un prezzo superiore di circa l’8%.

Alla quotazione odierna il rapporto price/book value è a 1,25 ed è sicuramente intrigante ed il mio dito freme sul grilletto.

Warren Buffett sta acquistando massicciamente azioni di Phillips 66 arrivando a possedere quasi il 13% delle azioni in circolazione.

A breve verrà formalmente conclusa la più grande acquisizione della storia dell’impero (Precision Castparts) e sopratutto uscirà la lettera 2015,un appuntamento immancabile per tutti gli amanti del suo pensiero e dell’investimento in genere.

 

 

 

 

 

Annunci

14 pensieri su “Aggiornamento gennaio 2016

  1. A questi prezzi cominciano a diventare interessanti anche molti titoli del settore oil che…storicamente…offrono pure dividendi assai generosi
    Naturalmente la possibilità che il petrolio possa ancora ritracciare non è per nulla remota…sebbene prezzi inferiori a quelli attuali comincerebbero a creare seri problemi a molti stati le cui economie sono incentrate prevalentemente sulla sua esportazione…oltre che a tutto il comparto americano dello shale-oil.
    So che non rientrano tra le tue scelte di investimento ma…soprattutto durante il panic selling dei giorni scorsi…a mio avviso sono emerse ottime occasioni di acquisto anche nel settore bond…con titoli aventi ottime cedole…precipitati notevolmente sotto la pari.
    Un saluto a tutti…

    Mi piace

    • Io ho comprato qualche altra azione Shell ..staremo a vedere.
      Certo che la trimestrale di Chevron rende perfettamente l’idea della situazione attuale.
      Purtroppo non ho mai investito in bond in vita mia.. ma.. mai dire mai.

      Mi piace

      • A titolo di esempio il bond Petrobras 2018 (quantunque callable)..offre una cedola annua del 4,875%…ed attualmente quota intorno agli 83-84.
        Se portato sino a scandenza avrà quindi un rendimento di circa il 10% annuo..
        Ovviamente esiste il rischio di un default della società…che è assai indebitata…ma comunque sempre in mano pubblica…vista che il maggior azionista è proprio lo stato brasiliano..
        Non è qui la sede per discutere e fare pronostici sul prezzo futuro del petrolio…sulle conseguenze di un fallimento di tale portata…etc…tuttavia valutando il rapporto rischio/rendimento…non mi sembra un pessimo affare 🙂
        Naturalmente consapevoli di quello che si stà acquistando…e soprattutto come diversificazione di un portafoglio ben assortito…

        Mi piace

    • Ciao rimane un titolo validissimo e in wish list. 55 titoli sono in questo momento forse troppi ed ho deciso di vendere un titolo che rende il 2,5% per acquistare titoli che hanno rendimenti maggiori.
      Stesso discorso Pepsico.
      Non è detto che sia una mossa giusta ..vedremo.. diciamo che per la prima volta inizio a vedere quotazioni interessanti abbinate a dividendi generosi.
      Stesso destino per almeno altre 4 o 5 posizioni in portafogli… una su tutte l’etf.

      Mi piace

  2. Alfio ti seguo sempre. Io purtroppo ho pagato il cfa e sono a corto di liqudità. Ma dal prossimo mese ricominciamo ad avere cash flow positivi e parecchio finirà in azioni. A breve comincerò ad operare anche su opzioni, con capitali non particolarmente elevati ma provando a racimolare quanto possiamo. Un grosso in bocca al lupo per il proseguio, continua così. Un’analisi da parte tua anche molto sintetica delle trimestrali uscite comunque sarebbero un gradito regalo.
    Ciao!

    Mi piace

    • Sono talmente tante quelle che leggo… Dando la precedenza ai titoli che possiedo.
      C’è poco da fare il dollaro forte sta colpendo molte aziende,,ma c’è chi fa meglio e chi fa peggio
      Molto bella quella di oggi di Honeywell e piuttosto in sofferenza quella di Praxair.
      Di recente mi ha colpito quella di Siemens e non mi è piaciuta quella di Chevron e Hershey

      Mi piace

  3. Ciao Alfio, anch’io sono azionista ASTM. Cosa pensi della società? Credi che non spicchi il volo per il problema delle concessioni?
    Grazie per la risposta.
    Andrea

    Mi piace

    • Ne penso benissimo.. e continuerò ad accumulare sulle debolezze. Ottima la diversificazione in Brasile dove raccoglieremo i frutti negli anni a venire. Perchè non spicchi il volo non lo so… ma a me va benissimo così. Ad oggi rende oltre il 3% e voglio poter accumulare anche a prezzi più bassi.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...