Terna: Strategic plan 2016/2019 and dividend increase 007

Terna S.p.A.

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL NUOVO FRAMEWORK REGOLATORIO, L’ACQUISIZIONE DELLA RETE FS E L’ULTERIORE EFFICIENZA DEI PROCESSI CONSENTONO UNA NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI

Centrati i principali obiettivi 2015 annunciati con il precedente Piano Strategico. Aumenta l’impegno per lo sviluppo della rete elettrica in Italia, con maggiori investimenti e limitati impatti su tariffa e debito, grazie a finanziamenti di terzi . Maggiore efficienza operativa, grazie alla disciplina sui costi e alle sinergie con la rete FS . Crescita e consolidamento delle Attività Non Regolate e dello sviluppo internazionale . Approvata nuova dividend policy con crescita annua del 3% nell’arco di Piano


 

PIANO STRATEGICO 2016-2019 INVESTIMENTI SULLA RETE NAZIONALE

Dal 2005 il Gruppo Terna ha effettuato investimenti per circa 10 miliardi di euro, per rafforzare la rete elettrica nazionale, ridurre le congestioni della rete e il differenziale tra i prezzi zonali dell’energia. Nel futuro Terna continuerà a svolgere il proprio ruolo istituzionale, in Italia e in Europa, e a garantire una maggiore integrazione del sistema elettrico, promuovendo meccanismi utili al bilanciamento energetico. Le future infrastrutture verranno realizzate con tecnologie all’avanguardia, in grado di garantire una sempre maggiore attenzione agli aspetti ambientali e di sostenibilità. Nei prossimi 4 anni il Gruppo Terna prevede un impegno per lo sviluppo della rete elettrica che raggiungerà circa 3,3 miliardi di euro, evidenziando uno sforzo ancora maggiore rispetto a quanto previsto dal precedente Piano Strategico, ma con un impatto limitato sulla tariffa e sul debito netto. Di questi, 2,6 miliardi di euro rappresentano gli investimenti che verranno realizzati sulla rete elettrica nazionale e che entreranno nella tariffa elettrica, ai quali si aggiungeranno investimenti finanziati da contributi UE per complessivi 300 milioni di euro, oltre a circa 400 milioni di euro per il progetto Interconnector Italia-Francia. A parità di periodo, il nuovo Piano presenta un impegno maggiore per circa 400 milioni di euro rispetto al piano precedente, anche in virtù dell’integrazione della rete FS e di un’accelerazione dei progetti strategici. Il valore degli asset regolati (RAB) passerà dai 12,3 miliardi del 2015 ai 14,7 miliardi di euro nel 2019, con un tasso di crescita media annua nell’arco di Piano (CAGR) del 4,6% (rispetto al 3% del Piano precedente).

ATTIVITÀ NON REGOLATE E SVILUPPO INTERNAZIONALE

Il Piano Strategico 2016-2019 prevede una maggiore visibilità sull’evoluzione delle Attività Non Regolate del Gruppo, sempre più parte integrante delle attività di Terna. Forti di una leva basata sulle competenze maturate nel core business, da queste attività è atteso a fine periodo un EBITDA margin medio del 50% e un contributo all’EBITDA del Gruppo stimato in 200 milioni di euro nell’arco di Piano. Le Attività Non Regolate si articolano principalmente nel settore dei servizi TLC, di realizzazione e manutenzione di impianti per terzi e di manutenzione di impianti fotovoltaici; proseguono, inoltre, le attività per la realizzazione dell’Interconnector Italia-Francia, che verrà finanziato con risorse di terzi, e la gestione dei processi autorizzativi per i progetti di interconnessione sulle altre frontiere. Il Gruppo Terna sarà inoltre impegnato nell’integrazione di TES in Tamini, un percorso che darà vita a una realtà che, si prevede, genererà un EBITDA cumulato di circa 40 milioni di euro nell’arco di Piano. Nel Piano Strategico 2016-2019 è anche previsto un impegno economico fino a circa 150-200 milioni di euro per attività regolate all’estero, a supporto della crescita e della creazione di valore nel lungo periodo. Tali iniziative saranno selezionate attraverso processi di valutazione che garantiscano un basso profilo di rischio e una valorizzazione del ruolo industriale di Terna e potranno essere sviluppate anche in partnership.

EFFICIENZA OPERATIVA

Nell’arco di Piano il Gruppo Terna manterrà il focus sui programmi di cost excellence avviati nel 2015, proseguendo nel percorso di miglioramento dei processi operativi e di razionalizzazione dei costi anche con riferimento alla rete FS. Nei prossimi quattro anni Terna stima efficienze ulteriori sui costi per 10 milioni di euro l’anno per il costo del lavoro e fino a 5 milioni di euro l’anno per i costi esterni; queste ulteriori efficienze vanno ad aggiungersi alle stime di saving previste dal precedente Piano, con il quale sono stati annunciati risparmi per 30 milioni di euro l’anno a fine 2019.

INNOVAZIONE TECNOLOGICA E STORAGE

Terna intende sostenere la ricerca di soluzioni tecnologiche innovative a supporto della sostenibilità ambientale – con lo sviluppo di trasformatori innovativi e iniziative per la mitigazione del rumore e dei campi elettromagnetici, volte a mitigare gli impatti delle infrastrutture sul territorio – e proseguirà nello sviluppo di sistemi di accumulo e di sistemi cosiddetti smart, localizzati soprattutto nelle isole maggiori e nel Sud Italia, un settore in cui Terna è pioniere. Nell’ambito dell’innovazione tecnologica il Gruppo Terna ha completato la realizzazione di sistemi di accumulo all’interno della rete elettrica nazionale per circa 50 MW, sui 75 MW complessivamente previsti, utili alla difesa del sistema (sicurezza) e alla riduzione delle congestioni di rete determinate dalle nuove fonti di produzione rinnovabile. In particolare, con lo Storage Lab di Codrongianos e i siti realizzati nel sud Italia, Terna può vantare il primato in Europa per potenza installata e knowhow tecnologico.

MIGLIORAMENTO DEL FREE CASH FLOW

L’evoluzione della composizione dei ricavi di Terna derivanti dalle Attività Regolate, anche per effetto del contributo relativo all’acquisizione della rete FS, e delle Attività Non Regolate, unito alle misure in campo per aumentare ulteriormente l’efficienza operativa, consentiranno di produrre significativi benefici sull’EBITDA del Gruppo che si attesterà a oltre 1,6 miliardi di euro nel 2019, e contribuiranno in modo robusto alla generazione di circa 2 miliardi di euro di Free Cash flow nell’arco di Piano. Queste azioni, unitamente al rigore sugli investimenti, contribuiranno a garantire la flessibilità necessaria per sostenere un’attrattiva politica dei dividendi. La struttura finanziaria di Terna resterà solida e il rapporto Debito netto/RAB resterà al di sotto del 60%, con un indebitamento previsto in riduzione a partire dal 2018-2019. OUTLOOK 2016 Per il 2016 gli investimenti si attesteranno a circa 900 milioni di euro, mentre i ricavi sono previsti a circa 2,09 miliardi di euro, con un EBITDA di circa 1,52 miliardi di euro. Infine, si prevede un utile per azione (EPS) di circa 28 centesimi di euro.

NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI

Ad esito della definizione delle variabili regolatorie per i prossimi 4 anni, oltre che per effetto delle azioni già intraprese e di quanto previsto a Piano, la nuova politica dei dividendi vedrà, già a partire dal 2015, una crescita annua del 3%, per arrivare a 22,5 centesimi di euro per azione nel 2019, con un incremento allineato alla prevista evoluzione degli utili e dei principali parametri patrimoniali. Questa politica riflette comunque un payout complessivo che, nell’arco di Piano, si manterrà al di sotto del 75%.

http://download.terna.it/terna/0000/0710/36.PDF

Terna S.p.A.


 

Azioni in portafoglio :201

Dividendi incassati :45.33

Nuovo dividendo annuo stimato :30.55

Yoc :4.10%

Payback :6.05%

 


 

Annunci

Un pensiero su “Terna: Strategic plan 2016/2019 and dividend increase 007

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...